Le Dodici case della carta natale

I QUATTRO ANGOLI

Prima casa: l’ASCENDENTE

Ci sono tre ingredienti di base che si combinano per formare una Carta Natale astrologica: PIANETI, SEGNI e CASE. I pianeti rappresentano particolari pulsioni psicologiche, impulsi e motivazioni. Come i verbi, raffigurano una certa azione in corso. I segni rappresentano dodici qualità dell’essere o atteggiamenti verso la vita. La spinta di un pianeta si esprime attraverso il segno in cui è collocato il pianeta. Le case, invece, mostrano le aree specifiche della vita quotidiana o i campi di esperienza in cui tutto questo si sta verificando: Marte in Toro si affermerà in maniera lenta e costante, ma la sua collocazione per Casa determina l’esatta area della vita in cui questa azione lenta e costante può essere ovviamente osservata, sia nella carriera della persona che agisce o nelle sue relazioni, a scuola, ecc. In parole povere, i Pianeti mostrano ciò che sta accadendo, i Segni di come sta accadendo e le Case dove sta accadendo.

Fungendo da obiettivo per mettere a fuoco e personalizzare il progetto planetario nella vita reale, le Case riportano la carta sulla terra. Eppure i significati e le funzioni delle dodici Case sono solitamente i meno compresi di tutti i fattori astrologici di base. Lo scopo di questo articolo è esaminare come un corretto apprezzamento dei segni e dei Pianeti, in ciascuna delle dodici Case, può guidarci verso la nostra vera identità, illuminando il percorso della scoperta di sé e lo sviluppo del nostro progetto di vita.

Ci sono alcuni motivi per cui il pieno significato delle Case è stato così spesso trascurato. La maggior parte dei libri di testo di astrologia si sofferma sul tradizionale significato “esterno” di ogni Casa e trascura il suo principio sottostante più sottile o basilare. Se non si comprende il significato centrale di una Casa, la vera essenza di quella Casa è persa. Ad esempio, l’undicesima Casa è normalmente conosciuta come la “Casa degli amici, dei gruppi, delle speranze e dei desideri”. All’inizio può sembrare strano: cosa hanno a che fare amici e gruppi con speranze e desideri? Perché queste cose sono tutte ammassate insieme sotto la stessa Casa? Tuttavia, quando viene spiegato il principio più profondo e basilare della Casa, la connessione diventa chiara. Il nucleo dell’undicesima Casa è “l’impulso a diventare qualcosa di più grande di quello che già siamo”. Lo facciamo connettendoci a qualcosa di più grande di noi stessi, allineandoci con amici e circoli sociali, unendoci a gruppi, identificandoci con le cause che ci sollevano da noi individui interiori e ci avvolgono in uno schema di cose più vasto.

Ma il desiderio di diventare qualcosa di più grande di quello che già siamo deve essere accompagnato anche dalla capacità di immaginare nuove e diverse possibilità. In altre parole, sperare e desiderare qualcosa ci sposta oltre le immagini e i modelli esistenti che ci riguardano. Dobbiamo avere un sogno prima di poterlo realizzare. Intese nel contesto del desiderio di estendere la nostra sfera di esperienza già esistente, le etichette dell’undicesima Casa di “amici, gruppi, speranze e desideri” iniziano ad avere senso in relazione l’una con l’altra.

Il modo convenzionale in cui è stata interpretata l’influenza dei Pianeti e dei Segni nelle case, può essere un altro ostacolo alla piena comprensione del significato di ogni Casa. Percependo gli eventi come circostanze puramente esterne che ci colpiscono, l’astrologia tradizionale interpreta le posizioni nel Tema Natale in una luce fatalistica e non riesce a comprendere il ruolo che giochiamo nel plasmare e costituire ciò che ci accade. Un astrologo “orientato agli eventi”, ad esempio, potrebbe dire a un uomo, con Saturno nell’undicesima Casa, qualcosa del tipo: “I tuoi amici ti limiteranno e ti deluderanno”. Questo può essere vero, ma a cosa serve una tale interpretazione per qualcuno?

La premessa filosofica su cui si basa l’astrologia psicologica è che la realtà di una persona scaturisce dal suo paesaggio interiore di pensieri, sentimenti, aspettative e credenze. Per l’uomo con Saturno nell’11a Casa i problemi con gli amici sono solo la punta dell’iceberg, la manifestazione esteriore di qualcosa che lui stesso è responsabile della creazione. La sua difficoltà a relazionarsi con i compagni è la manifestazione superficiale di qualcosa di molto più profondo: la sua paura di espandere i suoi confini, per includere qualcosa di diverso da sé stesso. Vuole diventare più grande di quello che già, identificarsi con qualcosa al di là del suo esistente senso di sé, eppure ha paura di mettere in pericolo l’identità che già possiede. L’undicesima casa lo spinge a racchiudere una realtà più grande, ma Saturno dice “Tieni duro, conserva ciò che già conosci”.

Inteso in questo modo, non è l’amicizia che lo limita, ma le sue stesse restrizioni che limitano le sue amicizie. L’astrologo che fa notare questo dilemma, introduce l’uomo nel vestibolo del cambiamento. Affrontare queste apprensioni, esaminarne le origini e guardare ai possibili modi di affrontare le sue paure, sono le chiavi che aprono la porta a un’ulteriore crescita. Se apprezzate nel contesto dello sviluppo del suo potenziale e della realizzazione del suo progetto di vita, le difficoltà di quest’uomo con gli amici diventano una fase di esperienza necessaria e produttiva. Alle prese con Saturno nell’11a Casa, piuttosto che evitarlo o incolpare gli altri, è un modo in cui “fa di se stesso ciò che dovrebbe diventare”, mentre è infinitamente più vantaggiosa questa interpretazione: “Scusa, vecchio mio, i tuoi amici non vanno bene”.

I Pianeti e i Segni in ogni Casa offrono “istruzioni celesti” su come una persona può sviluppare in modo più naturale il proprio progetto di vita in quell’area dell’esistenza.

Gli astrologi moderni devono affrontare lo stesso problema: come dividere lo spazio per creare un quadro di riferimento mediante il quale identificare le posizioni dei corpi celesti. Accade così, da un punto di vista geocentrico, che il Sole, la Luna e i pianeti sembrino tutti muoversi in un ampio percorso ellittico intorno alla Terra. Il percorso apparente del Sole attorno alla Terra è chiamato Cintura dello Zodiaco. L’ellittica viene quindi suddivisa in dodici segni di trenta gradi ciascuno, a partire da 0 gradi dell’Ariete. Le posizioni dei pianeti sono mappate rispetto a queste divisioni dell’ellittica, mostrando il segno che ogni pianeta attraversa in un particolare giorno dell’anno. Qui abbiamo la mappa del 26 aprile 2022.

I Pianeti, ciascuno al proprio ritmo, si muovono continuamente attraverso i diversi segni. Il Sole impiega circa un mese per passare da un segno all’altro e circa un anno per fare un giro completo di tutti i segni zodiacali. La Luna trascorre circa 2 giorni e mezzo in ogni segno e impiega 27⅓ giorni per attraversarli tutti. Urano impiega circa 7 anni per passare attraverso un segno e circa 84 anni per fare un cerchio completo.  

La divisione del tempo

Dividendo lo spazio nei cieli in segni, i primi astrologi furono in grado di tracciare la posizione dei pianeti nel cielo. Ma presto si resero conto che era necessario qualcosa di più: un quadro di riferimento per collegare il modello planetario a una particolare persona nata in un determinato momento e luogo.

Oltre al movimento causato dall’apparente rivoluzione del Sole, della Luna e dei Pianeti attorno alla Terra, c’è un altro tipo di movimento che l’oroscopo deve prendere in considerazione: la rotazione giornaliera della Terra sul proprio asse. I primi astrologi dovettero trovare un modo per correlare i fenomeni celesti dei pianeti in movimento, attraverso i segni al fenomeno terrestre della rotazione giornaliera della Terra sul proprio asse.

Il modo più ovvio per farlo era dividere la rotazione di ventiquattro ore della Terra in sezioni, in base al tempo impiegato dal Sole per spostarsi dalla sua posizione all’alba, alla sua posizione a mezzogiorno e al suo punto del tramonto. Poiché in determinati periodi dell’anno il Sole trascorre più tempo sopra l’orizzonte, queste divisioni non sarebbero sempre uguali.

La divisione del grafico in angoli

Per capire le Case è essenziale ricordare che abbiamo a che fare con due tipi di movimento: quello della Terra e degli altri Pianeti attorno al Sole, ma anche il movimento della Terra sul suo asse. La divisione della sfera mondana in quelle che alla fine divennero note come le Case, nacque dalla necessità di mettere in connessione la rotazione assiale della Terra con il movimento dei pianeti nel cielo. Mentre i segni sono suddivisioni dell’apparente rivoluzione del Sole, della Luna e dei Pianeti attorno alla Terra, le Case sono suddivisioni della rotazione diurna (giornaliera) della Terra sul proprio asse.

Con l’avvento del Rinascimento, gli astrologi avevano escogitato diversi metodi per dividere questi orologi nelle dodici Case dell’oroscopo. Inoltre, avevano sviluppato una corrispondenza tra i vari tipi di attività umana e le Case. In questo modo, le Case sono diventate il quadro di riferimento, attraverso il quale le potenzialità di un Pianeta e di una combinazione di Segni possono essere messe in relazione con gli eventi reali della vita. Senza questa struttura, gli astrologi non possono portare sulla terra il significato degli eventi celesti.

Dal punto di vista della posizione di un osservatore sulla Terra, a qualsiasi ora del giorno, un certo segno sarà visto sorgere a est mentre il suo segno opposto (distante 180 gradi) sarà visto tramontare a ovest. Il grado del segno che occupa il punto più orientale del cielo è chiamato Grado Ascendente e il segno in cui si trova è chiamato Ascendente. Astronomicamente, l’Ascendente segna l’intersezione dell’ellittica con l’orizzonte dell’osservatore, in altre parole: l’incontro tra cielo e terra. Il punto opposto all’Ascendente è il Discendente, il segno che si trova a ovest. La linea che collega l’Ascendente e il Discendente è chiamata Asse dell’orizzonte.

Allo stesso modo, in qualsiasi momento della giornata per un osservatore sulla Terra, un particolare grado di un certo segno “culminerà” al meridiano superiore: il Medio Cielo e il suo corrispondente:

Fondo del cielo. La linea che collega il Medio Cielo al Fondo del Cielo è chiamata Asse del meridiano.

Questi quattro punti sono determinati astronomicamente. Chiamati collettivamente gli Angoli, i segni che si trovano su questi punti rivelano molto sull’orientamento di un individuo alle esperienze di base della vita. Il loro significato è discusso in modo più completo di seguito. L’intersezione dell’Asse dell’orizzonte e l’Asse del meridiano danno origine ai quattro quadranti della carta. A causa dell’inclinazione della Terra, le dimensioni dei quadranti derivanti da questa quadruplice divisione sono raramente uguali e varieranno a seconda della latitudine e del tempo dell’anno di nascita.

La divisione dei quattro angoli nelle dodici Case

Il modo in cui i quattro angoli dovrebbero (o non dovrebbero) essere trisecati per formare le dodici Case è una delle principali controversie in astrologia.

Nel complesso, sembra esserci un accordo generale sul fatto che la linea dell’orizzonte, l’Asse Ascendente-Discendente, sia la base su cui dovrebbe poggiare la divisione della carta in Case. Ovvero, la maggior parte degli astrologi concorda sul fatto che l’Ascendente dovrebbe segnare la Cuspide (o il punto iniziale) della Prima Casa e il Discendente dovrebbe segnare la Cuspide (o il punto iniziale) della Settima Casa. Gli astrologi che supportano il sistema Equal House di divisione delle Case forniscono la soluzione meno complicata, chiamando l’Ascendente la Cuspide della prima casa.

In un modo o nell’altro, vogliamo finire con dodici Case. Perché dodici?

La ragione più ovvia di ciò è che gli astrologi credevano che la divisione della sfera mondana in Case dovesse rispecchiare la divisione dell’ellittica in dodici segni.

Le Case sono tradizionalmente contate in senso antiorario dall’Ascendente. La 1a e la 7a casa sono sempre l’una di fronte all’altra, raffigurando lo zodiaco come una “grande ruota che circonda la Terra lungo il cui bordo si muovono i Pianeti”. Questa ruota è fissata sullo sfondo del cielo e i segni sono segnati lungo il bordo. Le dodici case sono come i “raggi di una ruota mobile sovrapposti alla ruota maggiore”. I raggi delle case ruotano di un cerchio completo ogni ventiquattro ore in linea con la rotazione giornaliera della Terra. Il modo particolare in cui la ruota delle Case è collegata alla ruota dello zodiaco nel momento e nel luogo di nascita è ciò che rende il tema natale unico per ogni individuo.

Poiché la Terra ruota una volta ogni ventiquattro ore, i dodici Segni e i dieci Pianeti passano attraverso le dodici Case in quel periodo. La Carta Natale è un momento congelato nel tempo che mostra il particolare allineamento di pianeti, segni e Case per l’ora e il luogo di nascita. Due persone possono nascere lo stesso giorno e avere le stesse posizioni dei segni dei pianeti, ma poiché sono nate in un luogo o in un momento diverso, lo schema planetario sarà visto in una diversa area del cielo, cioè in Case diverse.

Finora abbiamo diviso lo spazio in Segni, diviso il tempo in quattro Quadranti e diviso quattro quadranti in dodici Case. È tempo di assegnare un significato alle Case e considerare il loro rapporto reciproco con le nostre vite.

Lo zodiaco naturale

Poiché le Case sono determinate dalla linea dell’orizzonte (dove cielo e terra si incontrano), mettono in relazione le attività e le energie simboleggiate dai Pianeti nei Segni (eventi celesti) con la vita reale sulla Terra (eventi terrestri). In altre parole, le Case mostrano aree specifiche dell’esperienza quotidiana, attraverso le quali si manifestano le operazioni dei Segni e dei Pianeti. Ognuna delle dodici Case rappresenta un diverso reparto della vita, una fase particolare di ciò, definito: “lo spettro dell’esperienza”.

Ma abbiamo ancora il problema di assegnare un significato alle diverse Case. In generale, il significato di ogni Casa rispecchia il significato dei dodici Segni dello zodiaco: l’Ariete è considerato simile alla 1a casa, il Toro è considerato simile alla 2a casa, e così via fino al collegamento dei Pesci con la 12a casa. In quello che viene chiamato Zodiaco Naturale, il primo grado di Ariete è posto sull’Ascendente, il primo grado di Toro è posto sulla cuspide della 2a casa, il primo grado di Gemelli  è posto sulla cuspide di la 3a casa, ecc. Lo zodiaco naturale è simbolico e il suo scopo principale è aiutare lo studioso ad acquisire una comprensione più profonda di ciò che significano le Case. In pratica, le Case nella Carta Natale di una persona non si allineeranno quasi mai in una corrispondenza così esatta con i segni come nello zodiaco naturale.

L’ASCENDENTE E LA PRIMA CASA

Nascere significa “assumere” un corpo e annuncia il sé, come un individuo unico e distinto. Sulla base di questo momento viene tracciata la Carta Natale e inizia il nostro viaggio tra le Case del nostro universo astrologico.

Segnando la cuspide della Prima Casa (I), l’Ascendente mostra l’esatto grado del segno zodiacale che sorge all’orizzonte orientale al momento della nascita. In coincidenza con il primo respiro indipendente che prendiamo, l’Ascendente e la Prima Casa proclamano l’inizio di un ciclo, il passo o stadio iniziale nel processo del Divenire.

Prima Casa (I)

Qualunque cosa nasca in un momento riflette le qualità di quel momento. Il segno Ascendente viene alla luce e si distingue dalle tenebre nello stesso attimo in cui emergiamo dall’ambiente oscuro, nascosto e indifferenziato del grembo materno. In altre parole, l’Ascendente appare come nasciamo e le sue qualità riflettono sia chi siamo che come incontriamo la vita.

Il segno dell’Ascendente simboleggia un aspetto particolare della totalità della vita che cerca letteralmente “l’incarnazione”, attraverso colui/colei che sta nascendo in quel momento. Attribuiamo alla vita le qualità del segno sull’Ascendente o su qualsiasi pianeta vicino. È la lente attraverso la quale percepiamo l’esistenza, il focus che ci portiamo dietro, il modo in cui “spostiamo” il mondo. E poiché vediamo il mondo in questo modo, invariabilmente agiamo e ci comportiamo secondo la nostra visione. Inoltre, la vita obbliga le nostre aspettative e riflette il nostro punto di vista.

L’Ascendente descrive qualcosa di questo processo di selezione, riflette l’immagine innata che abbiamo dell’esistenza. “Sogniamo il mondo” secondo il segno sull’Ascendente e poi mettiamo in atto il sogno. È sia il labirinto che creiamo e allo stesso tempo la via d’uscita dal labirinto.

Il segno Ascendente non solo descrive qualcosa sulla nascita effettiva, ma anche le aspettative e le immagini innate che abbiamo ogni volta che dobbiamo “iniziare qualcosa”, suggerendo il modo in cui entreremo in diverse fasi o aspetti della vita. Ogni volta che sperimentiamo qualcosa di simile a una nascita, ogni volta che abbracciamo una nuova area, sfaccettatura o livello di esperienza, vengono evocate le qualità dell’Ascendente e della prima casa.  

I Segni e i Pianeti nella prima Casa indicano i tipi di funzioni che saranno più preziosi nel processo di realizzazione della nostra identità unica. Questi sono i compiti che dobbiamo adempiere per svelare più completamente chi siamo. Non possiamo essere completi finché non abbiamo riconosciuto, esplorato e sviluppato queste qualità.   

Normalmente incontriamo i collocamenti in Prima Casa nei primi anni di vita, che sono altamente formativi. Ad esempio, se Giove si trova lì, la persona potrebbe cambiare paese poco dopo la nascita. Con Saturno, potrebbe esserci un senso di difficoltà o restrizione durante l’infanzia.

Poiché le energie della prima casa vengono incontrate e risvegliate così presto nella vita, formiamo una stretta identificazione con gli archetipi che i Pianeti e i Segni lì rappresentano. Fai un piccolo graffio nella corteccia di un alberello e, una volta cresciuto, l’albero ha un taglio enorme.

In parallelo, le energie della Prima casa potrebbero descrivere l’effetto che il nostro “arrivo sulla scena” produce sugli altri. Con Urano o Acquario lì, ad esempio, il nostro arrivo può significare interruzione e cambiamento. Con Plutone o Scorpione lì, la nostra nascita potrebbe coincidere con una grave crisi di riorientamento per coloro che ci circondano. Portiamo con noi qualsiasi Segno o Pianeta nella prima casa ovunque andiamo. Ciò non sorprende, poiché questa Casa è naturalmente associata al segno cardinale e infuocato dell’Ariete e del pianeta Marte.

Il fuoco cardinale rappresenta un principio che si irradia nella vita. In generale, gli attributi di qualsiasi segno o pianeta in Prima casa sono in qualche modo amplificati dal trovarsi in quella posizione, come se il volume del loro “tono” fosse stato alzato. Se le energie della Prima casa non sono evidenti nella persona, allora qualcos’altro nella Carta Natale sta probabilmente ostacolando la sua espressione e questo blocco dovrebbe essere esaminato.

Poiché il Segno sull’Ascendente ha una così grande influenza sul modo in cui incontriamo la vita, le qualità di questo Segno saranno riflesse e incarnate in una certa misura nel nostro aspetto fisico generale. Tuttavia, è una semplificazione eccessiva assegnare l’aspetto corporeo al solo Ascendente. L’intero Tema Natale è vissuto ed espresso attraverso il corpo, e quindi nella fisionomia si concretizzano molti diversi fattori.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

La bella Sabrina Salerno ha un debole per la cartomanzia!

La bellissima Sabrina Salerno non ha avuto una vita facile come molti potrebbero pensare. Qualche…

Nancy Brilli si fa leggere i tarocchi a Piazza Vittorio

Andiamo con ordine. Nancy Brilli si è recata a Piazza Vittorio e, notando che la cartomante…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *