L’Astrologia scienza e arte

L’ASTROLOGIA SCIENZA E ARTE

L’astrologia è una scienza un’arte? La risposta: Ambedue!

È una rappresentazione simbolica di tutti gli elementi, religiosi, spirituali, emotivi, mentali e fisici, invisibili e visibili, che esistono nell’universo e si uniscono in diverse combinazioni per spiegare i singoli esseri umani e le forze che modellano e agiscono su di loro. L’interpretazione astrologica si basa fortemente su un’intuizione informata e una familiarità, acquisita dalla pratica e dal tempo, come racconteremo, con significati complessi e multistrato, alla base della sua simbologia apparentemente semplice.

Interpretare un oroscopo è in parte scienza, in parte disciplina intuitiva e, in definitiva, una sintesi di entrambe. La lettura particolare rifletterà la personalità e il punto di vista dell’astrologo, più o meno allo stesso modo in cui anche l’analisi di uno psicologo è colorata dalle sue opinioni personali.

L’astrologia ci dice che come individui siamo peculiari e particolari, mentre allo stesso tempo siamo una manifestazione diretta di un tutto cosmico al quale siamo inesorabilmente legati. Ci ricorda che siamo collegati alla ruota karmica, che veniamo al mondo con doni speciali, nonché con certi fardelli e travagli. In superficie l’interpretazione degli astri può sembrare dirci che le nostre fortune e le nostre personalità sono preordinate, che i nostri destini sono completamente nelle mani degli dei. Ma il carattere di un uomo è il suo destino, ci dice il filosofo greco Eracleito, e alla fine non c’è modo di mascherare o scusare chi siamo.

Inteso e applicato correttamente, un oroscopo è uno strumento preciso, basato su forze reali, eventi e relazioni che si verificano in natura. È, soprattutto, un diagramma dello scopo di un individuo nella vita e un linguaggio simbolico che descrive come diversi fattori, segni, pianeti e case, vengono combinati per produrre un insieme significativo. Ogni oroscopo è una complessa combinazione di fattori, una rappresentazione grafica di un particolare momento, determinante e sincronico nel tempo e nello spazio, in cui i corpi del sistema solare formano uno schema unico. L’arte dell’analisi astrologica sta nel sintetizzare intuitivamente tutte le relazioni nell’oroscopo per creare un’immagine o un profilo completo e integrato.

Nella lettura di qualsiasi oroscopo è importante ricordare che le energie simboleggiate dai pianeti e dai segni rappresentano potenziali di nascita che l’individuo può o meno scegliere di attualizzare nel modo descritto. Età, sesso, condizioni socioeconomiche, istruzione, ambiente, sviluppo spirituale e molti altri fattori contribuiscono ai modi in cui esprimiamo le nostre energie natali.

L’astrologia non preclude la forza di volontà personale, l’autodeterminazione e l’azione dinamica su quelle stesse forze che sembrano aver preordinato cosmicamente chi siamo e cosa dobbiamo diventare. Ciò che ci presenta sono le lezioni che dobbiamo imparare all’interno di questo particolare giro della Grande Ruota, insieme al nostro potenziale innato, per diventare e alla fine essere. Quanto bene impariamo queste lezioni e ne guadagniamo dipende da noi come individui. Siamo tutti, in un certo senso, Ulisse che usa tutto il suo coraggio, astuzia, forza e ingegno per sfidare Poseidone (il dio del mare), di cui si era fatto nemico, per tornare semplicemente a casa. Quanto bene le lezioni vengono apprese non è responsabilità dell’insegnante, che semplicemente le presenta per quello che sono e va avanti. Si basa esclusivamente sull’intelligenza, la ricettività, la percezione e la tenacia dell’allievo.

Le origini dell’astrologia

Nella nostra prima arte, quella del Paleolitico superiore, tra 32.000 e 12.000 anni fa, le raffigurazioni dei cieli, del Sole, della Luna e delle stelle sono totalmente assenti. I nostri remoti antenati Cro-Magnon non erano osservatori di stelle oltre la consapevolezza della luna e delle sue fasi, raffigurate, forse, in sculture rupestri a bassorilievo, di donne che impugnano corna di bisonte con tredici incisioni e come segni su corna e ossa trovate sui pavimenti delle caverne. Queste persone erano fondamentalmente legate alla terra nelle loro preoccupazioni per il loro mondo immediato e animistico. Per loro, la magia e il potere risiedevano non nel cielo sopra, ma nella terra, nelle caverne profonde in cui questi antichi artisti sceglievano di rendere, con la scarsa luce di piccoli fuochi, rappresentazioni straordinariamente belle, sofisticate e accuratamente dettagliate della fauna che insieme sosteneva e minacciava la loro esistenza.

Il significato simbolico parlava delle personalità e degli attributi intrinseci delle creature, nonché di una serie di idee astratte ad esse associate (come velocità, agilità, coraggio, forza, nutrimento, fierezza, astuzia). L’astrologia cinese si basa in parte su questo tipo di osservazione. Cosa rappresentavano queste creature per i nostri antenati, che le conoscevano e le osservavano così intimamente? Sembra che le immagini sulle pareti delle grotte non siano solo l’inizio dell’arte, ma l’inizio del linguaggio scritto, simboli visivi tratti dalla natura, che trasmettono significati al di là delle loro rappresentazioni semplici e banali.

La caverna profonda è il regno dello sciamano, della ricerca della visione, del mondo sotterraneo dove risiedono il potere misterioso della natura, il miracolo dell’esistenza stessa: nascita, essere, morte e rigenerazione. Era il ruolo dell’artista sciamano a penetrare in questo oscuro regno dell’invisibile, prendere contatto e catturare questo potere, evocando gli animali e i loro attributi dalla roccia viva in cui dimorava la loro essenza spirituale, per intrappolarli come se l’arte fosse stata la trappola del cacciatore. La creazione di queste magnifiche opere faceva solitamente parte di una forma di magia rituale.

Successivamente, le culture di cacciatori-raccoglitori furono gradualmente sostituite da pastori nomadi che abitavano in tende con i loro greggi addomesticati e società agrarie, oltre alla costruzione di borghi sempre più grandi, in una civiltà sempre più erudita. Avendo risolto alcuni problemi legati alla terra e ridotto le preoccupazioni mondane, la mentalità filosofica iniziò a guardare in alto per osservare e meditare sui corpi luminosi nel firmamento e sui loro movimenti ciclici attraverso il cielo, che gli osservatori arrivarono a mettere in correlazione con i cambiamenti delle stagioni e altri eventi terreni . Osservando come le stagioni dell’anno e il movimento delle stelle e dei pianeti seguissero leggi fisse e correlate di cambiamento e trasformazione, hanno individuato una possibile relazione tra la terra e il cielo e una chiave per comprendere la natura di tutti gli esseri nel tempo e spazio. Determinare il significato dell’influenza delle stelle e dei pianeti divenne il ruolo degli astrologi-sacerdoti. Così, l’astrologia è nata come una pratica che apparteneva al sacerdozio e alla regalità che servivano.

Quasi tutti i popoli antichi dal Mesolitico in poi avevano un sistema di lettura dei cieli per scopi divinatori. La credenza e lo studio dei presagi celesti senza l’uso di una carta, o di una mappa delle stelle, non costituiscono ancora ciò che chiamiamo astrologia.

La credenza più diffusa tra gli studiosi è che l’ASTROLOGIA sia nata in Mesopotamia (la regione tra i fiumi Tigri ed Eufrate nell’attuale Iraq). Intorno al 6000 a.C., quando i babilonesi osservavano i pianeti come “vagabondi” e i primi documenti papiri attestano l’esistenza dell’astrologia come la conosciamo oggi, cioè uno studio oroscopico usato per predire il futuro, rispondere a domande e analizzare il destino di un individuo, in base all’ora e al luogo di nascita. Inizialmente, l’astrologia mesopotamica era molto simile a quella di altre culture: una semplice lettura dei cieli per presagi che potevano influenzare o predire eventi sulla terra. Tuttavia, i Mesopotamici svilupparono presto un sistema che identificava schemi ricorrenti nel cielo notturno e la loro corrispondenza diretta con gli eventi umani.

I primi testi astrologici conosciuti, scritti in cuneiforme su tavolette di argilla, risalgono all’antico periodo babilonese all’epoca di Hammurabi. Come i popoli di molte altre culture, i mesopotamici credevano che le stelle e i pianeti fossero in realtà dei e dee. Gli egizi identificarono la costellazione di Orione con Osiride, il dio degli inferi. I Mesopotamici, tuttavia, erano unici nella loro visione delle stelle e dei pianeti come indicatori della volontà divina in un dato momento nel tempo, il qui e ora, rendendoli così i creatori dell’astrologia come la intendiamo oggi.

L’evoluzione dell’astrologia sembra aver attraversato tre fasi principali. In primo luogo si è sviluppata la tradizione che circonda l’osservazione dei fenomeni naturali, dai quali si ricavavano presagi. Poi venne lo sviluppo di uno Zodiaco, senza oroscopi personali, di dodici segni attraverso i quali venivano registrati i transiti di Giove al ritmo di un segno all’anno. Da ciò, secondo alcuni, sono venute le basi per il sistema cinese di assegnazione ogni anno a un segno zodiacale animale (i segni animali cinesi hanno una correlazione diretta con i segni zodiacali occidentali). Poi è arrivata l’astrologia oroscopica, che ha comportato la creazione di temi personali di nascita.

Nel V secolo a.C. i Caldei, sempre in Mesopotamia, svilupparono regole per erigere oroscopi reali. Furono anche dovuti agli astrologi caldei i “Tre Re”, o Magi, che viaggiarono dalla Persia per rendere omaggio al neonato Cristo con i loro doni simbolici di oro, incenso e mirra: oro per regalità, incenso per divinità e mirra per morte (imbalsamazione) e guarigione. I Magi, o astrologi-sacerdoti, occupavano speciali posizioni di potere nella società babilonese.

I babilonesi divennero particolarmente abili, sulla base delle registrazioni delle loro osservazioni, nel predire con precisione le posizioni dei pianeti in un dato momento futuro. Dal 747 a.C. sono state conservate registrazioni sistematiche delle eclissi.

Con la conquista della Persia e dell’Egitto da parte di Alessandro Magno, le idee babilonesi, in particolare l’astrologia, furono incorporate nelle culture persiana, egiziana ed ellenica. Nel 331 a.C., in seguito alle conquiste di Alessandro, l’astrologia mesopotamica fu introdotta in Grecia. Intorno al 280 a.C. Berosso, astrologo e storico caldeo, collegò direttamente gli eventi ai movimenti delle stelle e al culto.

L’astrologia greca assunse una forma più personale di quella della Mesopotamia, con l’assegnazione di corrispondenze mitologiche allo Zodiaco e ai pianeti. In effetti, l’astrologia natale crebbe in popolarità dopo che i greci introdussero le loro idee umanistiche e individualistiche nella tradizione stellare caldea. Gli storici sembrano essere stati particolarmente ricettivi nei suoi confronti e le idee mediche di Ippocrate ne furono apparentemente influenzate.

Nel 135 a.C. Posidinio promosse l’astrologia greca tra gli intellettuali romani. Successivamente fu osteggiato da Cicerone e dagli Epicurei. Nel 70 a.C. i Greci istituirono il primo oroscopo personale conosciuto, basato sull’ora esatta della nascita, derivando così l’Ascendente. Pochi decenni dopo l’imperatore Augusto fece erigere e interpretare il suo oroscopo da Trasillo, stabilendo un precedente seguito dai successivi imperatori romani.

Secondo alcuni teorici, il luogo di nascita dell’astrologia come l’abbiamo definita fu l’Egitto faraonico. Nel 1375 a.C., quando il faraone Akhenaton stabilì il culto monoteistico del sole, solo per essere rovesciato dal sacerdozio e dall’esercito, i quali temevano che questo monumentale cambiamento nell’ordine costituito della società egiziana rendesse l’Egitto vulnerabile a un’invasione ittita, armata di una nuova arma, la spada di ferro. Che gli egizi fossero abili astronomi non abbiamo dubbi. L’esatto allineamento delle piramidi e di altri templi a certe stelle fisse lo attesta chiaramente. Ma è un Egitto successivo, influenzato dalle idee babilonesi, portate prima dai Persiani e poi dai Greci, che divenne la fonte primaria dell’astrologia oroscopica.

I testi egizi a cui si fa riferimento nella successiva letteratura astrologica furono scritti in greco. Quando Alessandro Magno conquistò l’impero persiano e l’Egitto e penetrò nell’India nordoccidentale, il greco divenne la lingua dominante dal Nord Africa fino ai confini dell’Asia centrale. Anche i popoli battriani di quelli che oggi sono l’Afghanistan e il Pakistan avevano governanti di lingua greca nei primi secoli dell’era volgare. Antiche statue di Buddha drappeggiate in toghe greche (conosciute come “Buddha ellenici”) sono ancora relativamente comuni. Di conseguenza, le credenze babilonesi, incarnate nell’astrologia egizia, viaggiarono facilmente in India.

In Occidente, l’astrologia raggiunse l’apice con i Greci ei Romani. Intorno al 10 d.C., il poetastrologo Manilio scrisse il suo Astronomicon, la prima grande opera greca sull’astrologia, che la diffuse in molte religioni misteriche mediterranee, alcune delle quali provenivano dall’Oriente. Nel 140 E.V. Tolomeo di Alessandria pubblicò il suo Tetrabiblos, il primo grande libro di testo di astrologia. La caduta dell’Impero Romano vide il declino dell’astrologia in Occidente.

Durante il Medioevo, gli arabi mantennero viva l’astrologia divinatoria, che fu reintrodotta nell’Europa medievale dagli studiosi islamici nelle università della Spagna durante le conquiste moresche. Nell’VIII secolo a Baghdad fu fondata una scuola di astrologia e l’astrologia cinese fu sviluppata da Han Yu e Li Hsu-Chung. Nel IX secolo, il culto delle stelle sabiano prese solide radici in Mesopotamia e Albumasar pubblicò la sua Introduzione all’astrologia.

In Inghilterra durante il XII secolo, dopo un viaggio in Medio Oriente, Adelardo di Bath fu determinante nel reintrodurre l’astrologia nell’Occidente cristiano. Più tardi, San Tommaso d’Aquino contribuì a conciliare l’astrologia con gli insegnamenti della Chiesa. Le università in Francia e Spagna hanno quindi adottato il suo studio e istituito cattedre a suo nome.

Durante il Rinascimento, l’astrologo/medico Paracelso e altri ne favorirono l’accettazione e lo sviluppo, associandola all’alchimia, alla magia e ad altre arti occulte.

Nel 1555 Nostradamus pubblicò la prima delle sue “profezie” e subito dopo Caterina de’ Medici e molti altri sovrani dell’epoca divennero appassionati credenti nell’astrologia. L’astronomo danese Tycho Brahe, che era anche insegnante di Johannes Kepler, praticava segretamente l’astrologia e in seguito Keplero cercò effettivamente di sviluppare nuovi studi. Ma tutta questa attività alla fine ha fatto ben poco per arginare la caduta in discredito dell’astrologia. Nel 1666, l’astrologia fu ufficialmente bandita come superstizione dall’Accademia francese delle scienze.

Il fascino nascosto e la conoscenza dell’astrologia, tuttavia, rimasero irresistibili, come un frutto proibito.

Nel 1781 William Herschel scoprì Urano. Il Vagabond Act del 1824 bandì ufficialmente la pratica dell’astrologia in Inghilterra. Quattro anni dopo, Raphael (Robert Gross Smith) pubblicò il suo Manuale di astrologia. Insieme alla scoperta di Urano, la scoperta di Nettuno nel 1846 permise agli astrologi di risolvere alcune delle vecchie ambiguità del loro mestiere.

Verso la fine del diciannovesimo secolo e l’inizio del ventesimo secolo, rosacrociani, teosofi e altri occultisti in Inghilterra e negli Stati Uniti stavano abbracciando e promuovendo l’arte, e il risveglio si diffuse presto in Europa, in particolare in Germania e Francia. Nel 1908, Llewellyn George fondò una scuola di astrologia a Los Angeles, uno dei primi precursori della Federazione americana degli astrologi, e nel 1920 Evangeline Adams riuscì a legalizzare l’astrologia a New York.

La scoperta di Plutone nel 1930 aiutò ulteriormente a risolvere alcune antiche questioni e l’interpretazione astrologica iniziò a essere profondamente influenzata dalla psicologia del profondo, il cui linguaggio è entrato nel moderno lessico astrologico. Carl Jung, uno dei padri della psicologia moderna e sostenitore della teoria degli archetipi, vide nell’astrologia un meraviglioso sistema di simboli rappresentativi della crescita della personalità e della coscienza umana in relazione a principi organici, sociali e universali. Negli anni ‘40, l’interesse e l’accettazione del mestiere erano diventati diffusi e continua a crescere ancora oggi, così come lo studio, la ricerca e lo sviluppo tra gli astrologi moderni, insieme a un crescente interesse all’interno della comunità scientifica.

Lo sviluppo di corpi di conoscenza, da semplici osservazioni a definizioni complesse ma comprensibili, è un lungo processo evolutivo. Come sia stato effettivamente formulato il sistema dell’astrologia con i suoi simboli e significati associati rimane uno dei grandi misteri dell’umanità. Può essere spiegato da teorie sugli archetipi e sulla sincronicità, sull’impulso religioso e simili, ma a parte queste ampie postulazioni non c’è davvero una risposta concreta se non quella che è semplicemente accaduta. Certamente, nel corso dei secoli ha influenzato lo sviluppo di gran parte della conoscenza dell’umanità, inclusa la religione, la mitologia, l’agricoltura, la filosofia, la medicina, la navigazione e la psicologia moderna.

Uno dei primi simboli del cristianesimo, che si trova ancora oggi sugli altari cattolici, è il segno dei Pesci, di due pesci, uno sopra l’altro, rivolti in direzioni opposte, in diretta dualità. In termini astrologici, Cristo è l’avatar dell’Era dei Pesci. Poche delle costellazioni hanno effettivamente una somiglianza definita con i segni che rappresentano. Perché la dodicesima costellazione è identificata come una coppia di pesci? Dove, fondamentalmente, otteniamo questa straordinaria e strana conoscenza, questo linguaggio dalle stelle che in qualche modo ha un senso per noi? Come è nato l’I Ching nell’antica Cina e la sua complessa matematica binaria che corrisponde a un codice morale e sociale, scritto dell’azione e del comportamento umano, oltre ad essere uno strumento di divinazione? Qual è la provenienza dei Tarocchi? Come, in definitiva, possiamo spiegare queste cose e il fatto che sono valide e ci forniscono un modo per ordinare e comprendere la nostra esperienza e venire a patti con noi stessi? In termini junghiani o archetipici, la risposta è ingannevolmente semplice è che erano sempre lì, innati e sublimi, semplicemente in attesa di essere scoperti.

L’OROSCOPO

Un OROSCOPO, o TEMA NATALE è letteralmente una mappa della posizione dei pianeti nel momento e nel luogo esatti della nascita di una persona. È un cerchio di 360 gradi, che rappresenta il percorso dell’orbita terrestre attorno al Sole. Nell’oroscopo, questo percorso, o eclittica, è diviso in dodici sezioni di 30 gradi ciascuna, contenente uno dei segni del Sole, i dodici segni dello Zodiaco che indicano la relazione della Terra con la posizione del Sole al momento della tua nascita.

Lo Zodiaco è delineato dall’equinozio di primavera, che è segnato dalla posizione del Sole intorno al 20 marzo di ogni anno, quando i giorni e le notti sono di uguale lunghezza. Ciò si verifica quando il Sole si sposta da una posizione a sud dell’equatore a una posizione a nord dell’equatore che in astrologia viene chiamata 0 gradi Ariete. Segna l’inizio dello “zodiaco tropicale”.

I segni dello zodiaco seguono uno schema o una progressione immutabile: Ariete, Toro, Gemelli, Cancro, Leone, Vergine, Bilancia, Scorpione, Sagittario, Capricorno, Acquario e Pesci. Lo Zodiaco (dal greco zoë, che significa “vita” e diakos, che significa “ruota”) è la Ruota della Vita simbolicamente concepita dalla mente umana.

Nato sulla cuspide

Il Sole non può mai essere in due segni contemporaneamente. La “linea di demarcazione” tra i segni è chiamata cuspide. Se sei nato all’inizio di un segno e alla fine di un altro, si dice che sei nato sulla cuspide. Il termine “cuspide” si riferisce sia alla linea di confine tra due segni che all’inizio di una casa oroscopica. Per la maggior parte degli astrologi, un individuo è considerato nato sulla cuspide solo se il Sole si trova entro tre o cinque gradi, su entrambi i lati, da un segno. Sareste influenzati, in una certa misura, da una fusione o sovrapposizione dei due segni, come la fusione e l’emergere dei colori nello spettro, con il segno solare effettivo in cui nasci che è l’influenza maggiore o il “colore” dominante. Il segno del Sole tende a trovare la sua più forte espressione delle caratteristiche del segno intorno ai 15 gradi della casa zodiacale. Per gli individui nati su o vicino a una cuspide, è necessario calcolare matematicamente l’oroscopo per determinare il segno solare. Per farlo sono necessari non solo il mese e il giorno, ma anche l’anno, l’ora (al minuto, se possibile) e il luogo di nascita.

I segni e i loro elementi

Secondo Empedocle, filosofo, scienziato e guaritore greco vissuto in Sicilia nel V secolo a.C., tutta la materia è composta da quattro elementi: terra, aria, fuoco e acqua. Il fuoco e l’aria sono elementi che vanno verso l’alto e verso l’esterno, mentre la terra e l’acqua girano verso l’interno e verso il basso. Nella sua Tetrasomia, o Dottrina dei Quattro Elementi, Empedocle descrisse questi elementi non solo come manifestazioni fisiche o sostanze materiali, ma anche come essenze spirituali. Associava questi elementi a quattro dei e dee: l’aria con Zeus, la terra con Era, il fuoco con Ade e l’acqua con Nestis, la dea degli Inferi. Le sue idee furono ulteriormente sviluppate da Aristotele. Di conseguenza, ciascuno dei dodici segni dello zodiaco è stato assegnato a uno dei quattro elementi.

Carl G. Jung, uno dei fondatori della psicologia moderna, studiò letteratura mistica, astrologia e alchimia. La sua teoria dell’intuizione, della sensazione, del pensiero e del sentimento come le quattro componenti di base della personalità è chiaramente una derivazione delle antiche teorie di Empedocle su fuoco, terra, aria e acqua. Jung si concentrò inizialmente sulle polarità dell’introversione (dirigere la propria attenzione verso l’interno verso pensieri, sentimenti e consapevolezza) ed estroversione (dirigere la propria energia verso l’esterno verso persone, azioni e oggetti esterni).

In astrologia, ciascuno dei quattro elementi governa tre segni, che formano una triade. I tre segni appartenenti allo stesso elemento sono fondamentalmente armonici tra loro e condividono caratteristiche simili in termini di personalità, intelletto e sensibilità innata. Le categorie sono:

I segni di fuoco: Ariete, Leone e Sagittario

Ciascuno dei segni di fuoco rappresenta aspetti del sé o dell’ego, in relazione all’autoespressione e alla creatività, che sono di natura intuitiva e basati su impulsi interni, la spinta a definire e manifestare il sé individuale. L’Ariete cerca di impressionare gli altri e di essere ammirato per la sua ostinata tenacia e determinazione. Il Leone cerca e ha bisogno di un pubblico per la sua drammatica autoespressione, in cui le varie qualità del suo carattere troveranno una risposta efficace. Il Sagittario è spinto ad espandere i suoi orizzonti, a cercare l’autorealizzazione attraverso la partecipazione attiva con gli altri. Quando sono negativi, i segni di fuoco possono essere egoistici, testardi, aggressivi e inclini ad attacchi di collera.

 

I segni di terra: Toro, Vergine e Capricorno

I segni di terra sono i più pratici dei quattro tipi e sono associati ai sensi e alla raccolta empirica di dati. La loro visione del mondo tende ad essere pragmatica, con una preoccupazione per ciò che è tangibile e concreto. Definire, collocare e lavorare entro limiti pratici è uno dei loro compiti primari, e di conseguenza sono dediti al loro lavoro e intrisi di un forte senso del dovere e della responsabilità. Quando sono negativi, possono mostrare una tendenza ad essere eccessivamente materialisti, nevrotici riguardo ai dettagli e all’ordine banali e incapaci di comprendere e abbracciare nuove idee.

In termini di ideale, il Toro lavora per sé stesso e per il guadagno personale, facendo affidamento sulle proprie risorse e talenti. La Vergine lavora per gli altri, utilizzando le loro abilità per aumentare le proprie. E il Capricorno funziona per la società o per l’umanità nel suo insieme.

I segni d’aria: Gemelli, Bilancia e Acquario

I segni d’aria rappresentano varie fasi e forme di interrelazioni personali e sociali. Sono associati alla comunicazione, all’attività intellettuale e agli accordi sociali, alle usanze e ai costumi. I segni d’aria riguardano principalmente le capacità mentali e gli attributi intellettuali in una forma o nell’altra.

In Gemelli, questo intellettualismo si mostra come una capacità di ottenere, utilizzare e comunicare informazioni fattibili. In Bilancia, queste qualità vengono utilizzate per pesare, bilanciare e fare confronti, mentre in Acquario vediamo una comprensione intuitiva di principi e idee e di come si applicano al benessere generale dell’umanità. Quando sono negativi, i segni d’aria possono essere volubili, indecisi e mentalmente frammentati.

I segni d’acqua: Cancro, Scorpione e Pesci

I segni d’acqua sono associati al subconscio, ai sentimenti e alle forze psichiche. Sono ricettivi e capaci di penetrare i significati nascosti dei misteri della vita. Protettivi per natura, sono in grado di sostenere gli altri, alleviare le sofferenze e provvedere alle necessità della vita.

Il Cancro è la madre e la casa. Lo Scorpione è lo scambio e il sostegno reciproci che si verificano nelle relazioni strette, con forti sentimenti riguardo alle risorse congiunte, alla morte e ai misteri occulti della vita. Pesci rappresenta la cura altruistica degli altri, il nutrimento su scala più ampia possibile, forti sentimenti mistici sull’Infinito e la capacità inconscia di comunicare telepaticamente con gli altri.

Quando sono negativi, i segni d’acqua possono essere eccessivamente emotivi, insulari, riservati, possessivi e capaci di usare i loro considerevoli poteri di empatia e ricettività psichica per sedurre e manipolare gli altri.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

La bella Sabrina Salerno ha un debole per la cartomanzia!

La bellissima Sabrina Salerno non ha avuto una vita facile come molti potrebbero pensare. Qualche…

Nancy Brilli si fa leggere i tarocchi a Piazza Vittorio

Andiamo con ordine. Nancy Brilli si è recata a Piazza Vittorio e, notando che la cartomante…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *